più argomenti collegati, si prega Ampliate la vostra ricerca

tecali, casa de pietra ,puebla

 tecalli parola Nahuatl (di tetl, pietra, e calli, casa), quindi potrebbe essere tradotto come "Casa di pietra", anche se questa definizione non corrisponde al noto onice, onice o poblano alabastro, roccia metamorfica ampiamente usato nella costruzione messicano XVI secolo, con la roccia vulcanica e chiluca. Dal momento che la parola ci Nahuatl per questo tipo di onice, onice parola era per indicare il sito di questa roccia nella zona.

Per una passeggiata nella natura semi-deserto e circondato dalle vette più alte del Messico, trovare Tecali. Una bella città che conserva importanti testimonianze di arte e cultura, come il maestoso convento del Seicento francescano le cui imponenti arco sorge su un tappeto d'erba sempreverde, la bellissima pala d'altare barocca nella chiesa principale dedicata a San Giacomo, o la sua bella teatro le cui caratteristiche sono simili a quelle del principale teatro della città di Puebla.

architettura conventuale è stata l'occasione di evangelizzazione e di dominio religioso del territorio. I conventi costruita dai francescani, domenicani e agostiniani continuato europea tradizione monastica, che ha dovuto adattarsi alle esigenze imposte dalla conquista, che ha colpito la struttura originale. Il tipo di costruzione del convento nella Nuova Spagna non ha seguito un modello trapiantato dalla Spagna.Inizialmente una struttura temporanea e gradualmente istituito uno stile architettonico adeguato alle condizioni locali, per formare uno schema che si ripete nella maggior parte di questi edifici: un grande atrio con cappelle appollaiato sugli angoli, la cappella aperta su un lato delle unità della chiesa e del convento disposti intorno ad un chiostro, di solito sul lato sud della chiesa.

Attrazioni:


Ex Convento Francescano di San Giacomo
Orario: Chiuso Lunedi 10:00-16:30 ore.
Ingresso
Tempo approssimativo di visita: 20 minuti

Nessuno sa per certo quando hanno costruito il monastero, ma si ritiene fosse 1569-1579. Anche se il convento è ora in rovina, è un vero e proprio monumento per le sue caratteristiche architettoniche, inoltre, rimane bella cornice giardini maestosi e mistica.
Ha una basilica diverse chiese comune del XVI secolo, perché sono tre navate parallele separate da due file di colonne esili classica che tengono sei arcate per lato.
Alcuni esperti ritengono che sia stata Claudio de Arciniega, architetto del viceré Luis de Velasco, che l'ha costruita. Don Manuel Toussaint per il portale centrale è un "purista copia del Rinascimento, forse il più notevole che è esistito nella Nuova Spagna".
L'altare del convento si trovano nella chiesa Tecali principale. Oggi è una tranquilla Tecali noto per le sue botteghe di alabastro e onice






Nessun commento:

Posta un commento

cercare e trovare

Archivio blog